Attentato Barcellona. L’infermiera: “Alla famiglia di Luca Russo: è morto col sorriso sulle labbra”

L’infermiera che è stata accanto a Luca Russo, il 25enne morto nell’attentato di Barcellona, ha voluto lanciare un messaggio alla famiglia del ragazzo: “Sono stata accanto a Luca Russo, è morto col sorriso sulle labbra”

Attraverso uno straziante post su Facebook, Paula O’Rourke, ha fatto sapere alla famiglia di aver assistito Luca sino all’ultimo istante.

luca russo

“Alla famiglia di Luka Russo, l’ho trovato sulla Rambra, sono un’infermiera. Ero con lui quando è volato via, mi ha guardato e poi ha guardato il cielo. Era sereno. Non è morto da solo e forse questo può dare un momento di pace alla famiglia, solo un momento. Mi dispiace molto. ” Queste le parole dell’infermiera che ha soccorso il giovane sulla Rambla in seguito all’attentato.

“To the family of Luka Russo, I found him on Las Ramblas, I am a nurse, I was with him when he passed, he looked at me and he looked at the sky, it was quiet and he was quiet, he did not go alone and maybe this can give a moment of peace, just a moment. I am so sorry”, questo il testo integrale (in inglese) del post su Facebook di Paula.

“Ero a casa quel giorno – racconta Paula – il mio balcone è al primo piano di un palazzo in Calle San Pau- Ho visto le persone correre, non c’è stato tempo per riflettere. Sono scesa, ho detto che ero un’infermiera. Ho visto un ragazzo steso a terra, che si muoveva appena. Mi sono avvicinata e ho capito che non c’era niente da fare. Ho accarezzato il suo viso e gli ho sussurrato ’E’ tutto ok’. Volevo pronunciare parole di serenità. Lui mi ha guardata, poi ha fissato il cielo, con serenità, come se dormisse”.

Due giorni fa le salme di Luca, insieme a quella di Bruno Gulotta, sono rientrate in Italia. A Ciampino, il Presidente Mattarella ha accolto i feretri dei connazionali uccisi nell’attentato di Barcellona. Sull’aereo di ritorno anche la famiglia del 35enne di Legnano, la moglie e i due figli di 5 anni e 7 mesi che erano con lui al momento dell’attacco.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *